Parco Nazionale D’abruzzo

Il Parco Nazionale d’Abruzzo è una delle riserve naturalistiche terrestri più importanti d’Italia; sia per estensione  che per le specie animali che lo abitano è rinomato anche a livello internazionale. Uno dei primati del Parco Nazionale d’Abruzzo, che correttamente e per esteso andrebbe chiamato d’Abruzzo, Lazio e Molise, è quello di essere stato il primo parco nazionale italiano; la sua istituzione risale infatti al 1921 e condivide il primato con il Parco Nazionale del Gran Paradiso.

Grazie all’istituzione del Parco d’Abruzzo è stato possibile salvare da estinzione certa diverse specie animali; citiamo tra le tante il Camoscio d’Abruzzo, il Lupo, l’Orso Bruno Marsicano, il Picchio Dalmatino e il Gatto Selvatico. Recentemente è partito un progetto per il reinserimento della Lince, animale ormai rarissimo.

Di rara bellezza anche i panorami che è possibile ammirare nel Parco Nazionale d’Abruzzo; i paesaggi montani verdissimi sembrano disegnati dal pennello di un abile pittore. I numerosi laghi e specchi d’acqua presenti nei 44.000 ettari del Parco contribuiscono ulteriormente a rendere gli scenari suggestivi ed emozionati.
Cosa è possibile fare all’interno del Parco? Bisogna sicuramente spiegare che il Parco è suddiviso in quattro diverse zone di Riserva con diversi gradi di limitazioni; limitazioni ovviamente dovute per proteggere i delicati ecosistemi. Restrizioni a parte è comunque possibile svolgere diverse attività all’interno del Parco Nazionale d’Abruzzo, cogliendo l’occasione di fare del sano movimento immersi nella natura; è possibile fare trekking, passeggiate in bici e a cavallo, dedicarsi alla fotografia naturalistica, fare sci di fondo nei periodi invernali e windsurf in alcuni dei laghi.

Tags: , , ,